12 June 2020

Vetro: 0% di contaminazione, protezione al 100%

Il vetro: tutte le proprietà del materiale più puro, inerte e sostenibile che, attraverso la sua superficie, riflette il senso delle nostre scelte sul pianeta.

Al cospetto del vetro, a volte, si scatena una pioggia battente di perplessità e timori.

La paura di infrangerlo, la convinzione di non saperlo maneggiare con la dovuta cura e il sospetto che il suo peso sia troppo per noi, quasi non fossimo all’altezza della sua durevolezza e persistenza.

Visto dall’altra faccia della sua trasparentissima superficie, però, il vetro mostra il suo vero valore e si rivela per quello che è: sicuro, protettivo, inerte e igienico. Ma anche naturale, conservativo e infinitamente sostenibile.

Il miglior materiale per i contenitori alimentari e cosmetici, di là di ogni diffidenza e scetticismo.

La vera arma a doppio taglio del vetro? L’affidabilità

Per sfatare il principe di tutti i miti – cioè “il vetro non è sicuro perché si rompe” – possiamo prenderla da più lati. Iniziamo dalla strada maestra, quella che parte dalle proprietà del materiale vetro.

Per quanto uno dei suoi indiscutibili plus sia il fatto di risultare duttile e malleabile ad alte temperature, permettendoci quindi di riplasmarne la forma senza alterarne la qualità, il vetro a freddo (quindi nello stato fisico in cui si trovano bottiglie e flaconi) è un materiale solido, duro, tenace.

Può rompersi, certo: ma se maneggiato con l’attenzione che riserviamo a qualsiasi altro oggetto cui teniamo, il rischio di infrangere un contenitore di vetro finirà per assomigliare a quello di mandare in mille pezzi un vaso di terracotta, una cornice di legno o un soprammobile in porcellana (e magari senza il peso morale di aver distrutto un regalo di famiglia).

Ciò detto, vi starete chiedendo perché “affidabile”. Semplice: il vetro è un materiale permanente, inerte e impermeabile. In poche parole, non c’è contaminazione esterna che tenga. La sua resistenza agli agenti chimici più aggressivi lo rende la scelta migliore per conservare prodotti chimico-farmaceutici, cosmetici ed alimentari, riparandone il contenuto e preservando le caratteristiche organolettiche.

vetro 

Il sapore dell’inalterabilità: cosa spinge food e cosmesi a scegliere il vetro

Partiamo da un dato: in Europa, in media un consumatore su due sceglie il vetro nelle proprie abitudini d’acquisto alimentare. Motivo? Lo considera limballaggio premium per ambiente, salute e gusto. Questa percezione deriva da un insieme di fattori, compresa la possibilità di vedere, effettivamente, il contenuto del prodotto che acquisti.

Ma è la seconda ragione quella che stupisce più di tutte: uno dei motivi per cui tra gli scaffali del supermercato si preferisce il barattolo in vetro è proprio la sensazione di protezione e sicurezza. Per quanto possa sembrare una considerazione incoerente, in realtà restituisce la maggior facilità del consumatore di cogliere il potere di conservazione, freschezza, igiene e integrità che un contenitore in vetro può offrire al suo contenuto.

Il packaging in vetro è progettato per resistere al calore elevato, proteggere gli alimenti dalla luce e azzerare la probabilità di interazione chimica con il cibo contenuto al suo interno. Il tutto senza alterare gli aromi e i sapori e custodendo gelosamente il gusto del prodotto.

Per il consumatore food, il vetro è quindi sinonimo di salute perché esclude le contaminazioni dell’alimento con gli agenti esterni e, soprattutto, con i componenti potenzialmente nocivi dell’imballaggio. Il vetro cosmetico e farmaceutico offre gli stessi vantaggi: protegge, scherma ed enfatizza le proprietà e l’integrità del prodotto.

Perché ciò che nutre il nostro corpo e la nostra pelle meritala stessa grande attenzione.

inalterabilità vetro oway

Trasparente, sicuro, sano… e riciclabile all’infinito

Oltre agli innegabili vantaggi che guardano al prodotto, il vetro si pone come la scelta vincente per chi tiene alla tutela dell’ecosistema. Il riciclo del vetro è un modello di riferimento per l’economia circolare perché, grazie ad esso, i consumi energetici della produzione del vetro risultano ridotti di circa la metà.

Il primo rapporto di sostenibilità di Assovetro del 2018 certifica la reale sostenibilità del vetro e ne quantifica le performance in termini di consumo, riciclo e riuso.

Il documento ci dice che, grazie al sistema di raccolta differenziata, il vetro può essere recuperato e reimmesso nel ciclo produttivo infinite volte.

Ora probabilmente starete pensando: “sì, ma produrre il vetro comporta un notevole consumo energetico. Questo è in parte vero, perché ottenere un contenitore in vetro richiede alte temperature di fusione e, quindi, sufficiente quantitativo energetico per raggiungerle.

Ma Assovetro ci consegna un altro dato molto importante: l’aumento dei consumi energetici degli ultimi anni si spiega con l’aumento della produzione del vetro. Aumento che, però, si è accompagnato con un’impennata dell’efficientamento dell’utilizzo delle risorse.

Conclusione? Si produce più vetro perché se ne riconosce il primato di circolarità nella fase di fine vita del prodotto. E perché, puntando a un sistema economico che recuperi ciò che immette, si lavora con il massimo delle energie rinnovabili che il progresso oggi ci consente. 

vetro riciclabile oway

Un tocco di eleganza, pregio e sensorialità nella vita di tutti i giorni

Se finora abbiamo parlato di contenuto e contenitore, è il momento di considerare il contesto.

Parliamoci chiaro: il vetro è elegante, raffinato, luminoso. Le sue forme armoniose e il suo aspetto trasparente, all’interno della dimensione domestica così come di un ambiente di lavoro, comunicano un senso di cura e ricercatezza che appaga la vista e non guasta mai.

Aggiunge un elemento di design agli interni e racconta il desiderio di valorizzare il luogo che si abita… nel tempo libero e nell’orario di lavoro.

eleganza oway

Il vetro e Oway

Per noi questo incontro fortunato si verifica in tutti gli spazi che rappresentano il brand, la sua indole, la sua storia.

In azienda, in Accademia, nei saloni di bellezza e nelle case degli Owayans, il vetro racchiude non solo le formule dei nostri agricosmetici, ma anche la sintesi di quello in cui crediamo fermamente.

Dal 2013 è la nostra scelta assoluta di sostenibilità, riuso, protezione, sicurezza, resistenza e durevolezza. Rappresenta la nostra voglia di riscrivere il destino del contenitore all’infinito, il desiderio di preservare le risorse dell’ambiente e quelle delle formule della nostra Agricosmetica.

7 anni fa abbiamo deciso di intervenire sull’ultimo anello della filiera, eliminando i contenitori di plastica e sposando il vetro e l’alluminio per tutte le nostre linee prodotto. Da allora, usiamo vetro farmaceutico ed alimentare per la sua rara capacità di custodire ciò che la biodinamica, la ricerca e la chimica verde e pulita raggiungono per rendere unici i nostri trattamenti.

Nei saloni, questi contenitori raccontano a prima vista – e in totale trasparenza – la potenza del loro contenuto. E contribuiscono ad arredare il salone di sostenibilità reale e concreta circolarità, grazie non solo al riciclo virtuoso, ma anche a idee di riutilizzo e upcycling davvero soprendenti.

vetro oway plantae

MORE FROM JOURNAL

Non spegniamo il futuro. È tempo di consumare meno e di farlo meglio

Ricorrenze commerciali come il Black Friday producono uno spreco impressionante di risorse. Plasmano la nostra percezione degli acquisti, ci spingono a credere che dobbiamo assolutamente acquistare, approfittare immediatamente degli sconti, con conseguenze devastanti sull’ambiente. Per cambiare le cose non c’è più tempo: è ora di tornare a un consumo consapevole.

Alla scoperta della Clean Beauty

Intervista a Elda, consulente di bellezza in Oway

Ribaltare il risultato del cambiamento climatico scegliendo l’impatto zero

Le attività umane hanno un peso, le realtà produttive lasciano un’impronta. Qualsiasi azione, prodotto o processo ha un impatto, più o meno sostenibile, con cui misurarsi nel presente. Ma prima di pareggiarli, i conti bisogna farli: emissioni alla mano.

Select country and language

Close

Nord Europa

  • Estonia
  • Danimarca
  • Finlandia
  • Lettonia
  • Lituania
  • Olanda
  • Svezia

Sud Europa

  • Spagna
  • Grecia
  • Italia
  • Malta
  • Portogallo

Ovest Europa

  • Belgio
  • Croazia
  • Repubblica Ceca
  • Germania
  • Francia
  • Irlanda
  • Lussemburgo
  • Austria
  • Regno Unito

Europa centrale e dell'est

  • Bulgaria
  • Ungheria
  • Polonia
  • Romania
  • Slovacchia
  • Slovenia

Altre

  • Stati Uniti
Chiudi

Utente loggato

Chiudi